30.10.08

Prima di Lucca


So che mi stancherò tantissimo (più che in tutte le altre fiere a cui partecipo).
Sarà per l'affluenza di gente, sarà per la baraonda che dura (per me) 3 giorni, perché, di quelli che incontro solo in questa occasione, ne vedrò la metà e con ancora meno riuscirò a parlare con calma, sarà perché qualcosa, nelle mie aspettative, andrà inevitabilmente deluso.


Eppure, accanto al lato negativo, c'è anche quello positivo, c'è l'entusiasmo di vedere gli amici che incontro solo alle fiere, avere finalmente tra le mani, pubblicati, i frutti delle mie fatiche (Galaxies finisce dopo quasi 4 anni, Bambole di Carne, a cui ho cominciato a lavorare lo scorso dicembre, Gli Scorpioni, un'opera in cui credo molto, Gli Esiliati, che ha avuto una gestazione lunga e difficile di oltre un anno e mezzo).


Ci sono le cene, stipati in ristoranti troppo piccoli, con gente che conosco e altri che non so chi sono, e c'è la possibilità di comprare fumetti che volevo da tempo ma che, per quanto costano, mi permetto solo alle fiere ^__^'

Giusto perché, nonostante tutto, fiera è ancora sinonimo di festa.

14.10.08

L'Inferno degli Angeli

Argomenti decisamente pesanti, questa volta, sebbene legati a Bambole di Carne.
Qualcosa di cui volevo parlare da un po'.
Un paio di anni fa, pensavo ad una storia che mi vagava in mente, ancora senza forma precisa, Bambole di Carne. Sapevo che volevo parlare di bambini che subiscono abusi, ma mi mancava ancora qualche elemento.
Poi ho trovato un sito in cui parlavano dei bambini delle fogne di Bucarest .
Qualche elemento è visibile nelle primissime pagine del mio fumetto.

Seguendo alcuni link sono arrivata all'associazione Prometeo, dove basta leggere i titoli degli argomenti per rabbrividire, sebbene la discesa negli inferi sia la pagina dedicata alle testimonianze.

Bambole di Carne non è un racconto realistico perché non volevo fare un documentario, tuttavia alcuni mi hanno detto che è crudele, una fiaba crudele e grottesca eppure, se andrete a leggere anche solo una delle testimonianze, capirete che ho tenuto la mano molto, molto leggera.