14.2.08

Sequenze

A volte è strano, si cerca un'inquadratura particolare e si finisce per fare una serie di bozze che, guardate una di seguito all'altra, sembrano formare una sequenza.

Qui volevo fare un'illustrazione per Simon, ho fatto un certo numero di bozze, alla ricerca di qualcosa (che poi non si è mai sviluppato) e solo in seguito, trovando per caso il foglio, dimenticato tra altri mille, mi sono accorta che sembrava una sequenza.

Eccola qui.



























































4 commenti:

Luca Bonisoli ha detto...

Ciao, Francesca.
Ho iniziato a bazzicare sul forum delle Edizioni Arcadia. Il progetto Simon mi incuriosisce sempre di più!
Mi ispira un sacco il contrasto tra il disegno fanciullesco e la storia (così dicono) che è un "pugno nello stomaco".
Ma in definitiva... di cosa parla 'sto fumetto? Me volere sapere! ^__^

Francesca Da Sacco ha detto...

ciao Luca!! ^___^

Di che parla Simon...
di bambini oggetto, cresciuti in gabbie, come polli, usati come ladri e prostitute e finiti nelle mani di un pedofilo che li trasforma in bambole (le bambole di carne del sottotitolo).
Una storia che avrà sfumature di una fiaba grottesca, ma il tema sarà questo.

Devo fare attenzione a non cadere nel melodramma, ma sto addottando una narrazione abbastanza asciutta per evitarlo ^___-

Luca Bonisoli ha detto...

Uh! Tosta la trama!
Svilupparla bene è un gioco di equilibri difficile, ma per quel che ti conosco non ho dubbi sul risultato! ^__^

Francesca Da Sacco ha detto...

Eh eh! Spero venga bene, già ho voluto osare usando l'acquerello invece di un "più tranquillo" chiaroscuro tradizionale.

Insomma, qui non vale dire "è colpa del disegnatore" oppure "è colpa dello sceneggiatore" ^^'